TIPI DI NUVOLE E TEMPORALI
NUVOLE ALTE: Formazioni nuvolose con base (nelle regioni temperate) tra gli 8000 ed i 14000 m, sono le nubi più fredde, composte essenzialmente da cristalli di ghiaccio che le rendono traslucide; dalla loro disposizione si può sapere la direzione del vento in quota (perpendicolarmente alle strisce, verso la direzione delle gobbe); sono caratterizzate del prefisso "cirro-"
NUVOLE MEDIE: Formazioni nuvolose con base (nelle regioni temperate) tra i 2000 ed gli 8000 m. Sono essenzialmente composte da gocce d'acqua o da un miscuglio di gocce d'acqua e cristalli di ghiaccio. Sono caratterizzate dal prefisso "alto-".
NUVOLE BASSE: Formazioni nuvolose con base (nelle regioni temperate) sotto i 2000 m, sono essenzialmente composte da gocce d'acqua. Quando le nubi basse giungono in contatto col terreno si parla di nebbia. Sono caratterizzate dai prefissi e suffissi "nembo-" e "strato-".
stratocumulus.jpg (46906 byte) Immagine:Ns1.jpg

NUBI A SVILUPPO VERTICALE: Formazioni nuvolose verticali. Sono le nubi più turbolente e sovrastano le correnti ascensionali. Nelle loro forme più grandi (cumulonembi), possono raggiungere dimensioni enormi, coprendo intere regioni e portando violente precipitazioni e temporali. Questi tipi di nubi non sono classificati insieme agli altri per altezza perché hanno appunto un grande sviluppo verticale.

Immagine:Cumulus08.jpg Immagine:Cumulus con above Brienzersee.JPG  
Supercella:Una supercella è una tipologia temporalesca molto violenta caratterizzata da un mesociclone, ovvero una corrente ascensionale molto forte, in continua rotazione. Delle quattro classificazioni dei temporali (supercella, cella singola, multicella, e squall line), la supercella è quella più vasta e violenta.
Clicca per ingrandire l'immagine